Canada, sentono rumori e trovano un orso in auto



Aprono il portabagagli e trovano un orso bruno nell’automobile. È accaduto in Canada a Grand Forks, British Columbia. Nel video diffuso dall’agenzia Reuters e ripreso dal quotidiano La Repubblica si vede l’orso nel sedile posteriore dell’auto, per nulla spaventato dopo essere stato scoperto.

“Mia madre mi ha chiamato alle 3 e mezza del mattino dicendo che qualcosa aveva fatto scattare l’allarme”. È stato il ragazzo ad aprire il portabagagli e a constatare insieme alla donna, che su uno dei sedili anteriori della macchina c’era un orso che curioso osservava le cose stipate e, a quel punto, anche i due attoniti proprietari del veicolo. Si dilettava anche a morsicare il sedile dell’auto.

“Ho aperto il portabagagli e dentro c’era un orso – dice il ragazzo – aveva anche fatto molti danni. Dopo è uscito dall’auto ed è tornato nei boschi. Non c’era cibo in macchina ma questo orso è abituato agli esseri umani e sta diventando molto audace. Questo però potrebbe costargli caro”, riporta La Repubblica.

Non è così difficile incappare in situazioni del genere in Canada e a quanto pare questo esemplare inizia a prendere confidenza con la cittadina di Grand Forks.

Gli orsi lì sono molto comuni e spesso si avvicinano alle città perché attirati dall’odore di cibo.

È proprio la polizia ad avvertire in queste occasioni gli abitanti del luogo, ricordando che è facile imbattersi in questi enormi animali nei luoghi abitati, poiché possono sentire facilmente odori che li attirano. Anche l’odore del cibo che rimane nell’automobile ormai vuota può incuriosire l’animale. Persino il balsamo per le labbra può essere gradevole per il loro olfatto sviluppato.

Inoltre la polizia avverte la popolazione dicendo che può essere pericoloso avvicinarsi all’orso in quelle occasioni. Se è lì da tempo o semplicemente, senza volerlo è rimasto intrappolato o si sente in quello stato, può innervosirsi e risultare a volte irrequieto.

A quanto pare però, in questo caso l’orso si sentiva a proprio agio nella sua cittadina che ormai gira con facilità e senza paura, nemmeno dei suoi abitanti.

 

 

Condividi l'articolo!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.