Incendio attorno alla centrale di Chernobyl: Radiazioni salgono vertiginosamente



Sabato 04/03/2020 due incendi hanno colpito la zona di alienazione dell’ex centrale di Chernobyl, in Ucraina, che si estende per un raggio di 30 chilometri attorno alla zona dell’incidente, avvenuto il 26 aprile del 1986. L’area è una delle più contaminate da radiazioni al mondo.

Causa gli incendi i livelli radioattivi attorno alle zone degli incendi sono più alti del solito, cosa che ha reso anche più complicato il lavoro dei vigili del fuoco per placare le fiamme.

Secondo dati locali, passando un’intera giornata nella zona di alienazione di Chernobyl si è esposti a 0,003-0,004 millisievert, pari a un millesimo di sievert. L’unità di misura per calcolare la quantità di radiazioni e i loro eventuali effetti sulla salute. In media, una persona che non vive in zone contaminate viene esposta a circa 2 millisievert all’anno, molti meno di quelli considerati dannosi per la salute.

Ecco la foto del contatore geiger nelle zone colpite dall’incendio con valori di radioattività veramente altissimi, e fuori dalla norma.

Volodymyrivka, Ucraina, 5 aprile (AP Photo/Yaroslav Yemelianenko)

Condividi l'articolo!



450 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.